La versione migliore di te e di me

Condividi su

Caro mio piccolo alunno,

in questa domenica in cui correggo le ultime prove dovrei sforzarmi di farlo seguendo le nuove direttive ministeriali .

A dirla tutta, caro mio piccolo alunno, lo sforzo non c’è.

Non c’è se leggendo ciò che hai scritto riesco a vedere tutta la strada che hai fatto per arrivare lì, non solo l’ultimo tratto.

Non c’è se mi concentro su quanto di buono tu hai detto e hai fatto.

Non c’è se in quella verifica io riesco a vedere la versione migliore di te: quella che ho imparato a conoscere nel tempo che abbiamo trascorso insieme , nelle giornate difficili, in quelle divertenti , in quelle leggere come una foglie  e in quelle pesanti come una montagna.

E così su quel foglio, cercando la parte migliore di te, mi capita anche di ritrovare la parte migliore di me.

Ci ritrovo le parole di sostegno, gli sguardi di incoraggiamento, i pensieri che ho fatto immaginandoti per ciò che potresti essere, domani.

E se in una verifica io riesco a trovare la versione  migliore di te e di me, allora abbiamo vinto, caro mio piccolo alunno.

Abbiamo vinto entrambi.

E il voto , alla fine di questo lungo anno scolastico, dovrebbe mettercelo la Scuola .

Un bel voto, ad entrambi.

 

Maestra Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi